I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 79% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

DISCLAIMER

Our systems have detected that you are using a computer with an IP address located in the USA. If you are currently not located in the USA, please click “Continue” in order to access our Website.

Local restrictions - provision of cross-border services

Swissquote Ltd is authorised and regulated in the UK by the Financial Conduct Authority (FCA). Swissquote Ltd is not authorised by any US authority (such as the CFTC or SEC) neither is it authorised to disseminate offering and solicitation materials for offshore sales of securities and investment services, to make financial promotion or conduct investment or banking activity in the USA whatsoever.

This website may however contain information about services and products that may be considered by US authorities as an invitation or inducement to engage in investment activity having an effect in the USA.

By clicking “Continue”, you confirm that you have read and understood this legal information and that you access the website on your own initiative and without any solicitation from Swissquote Ltd.

If cookies are currently disabled on your computer, you will be required to continue accepting this legal information for every new page visited on this website. In order to avoid this, please enable cookies on your computer.

Research Market strategy
by Swissquote Analysts
Daily Market Brief

Borse contrastate. La scarsa liquidità provoca volatilità sul mercato dell’oro dopo il fermo delle raffinerie.

1

Borse contrastate. La scarsa liquidità provoca volatilità sul mercato dell’oro dopo il fermo delle raffinerie.

By Ipek Ozkardeskaya

Dopo l’iniziale incursione in territorio negativo, le borse USA hanno recuperato e due dei tre maggiori listini USA hanno archiviato la seduta di mercoledì con il segno più. E dunque, per la prima volta dall’inizio della picchiata provocata dal coronavirus, abbiamo assistito a due giorni consecutivi di rialzi sulle borse USA. L’S&P500 (+1,15%) ha consolidato i guadagni dopo l’accordo raggiunto al Congresso USA su un pacchetto di salvataggio da 2 mila miliardi di dollari senza precedenti, mentre il Dow ha compiuto un rally del 2,39%, spinto dal balzo del prezzo delle azioni Boeing (+24,32%), in previsione che nel pacchetto ci sia anche qualcosa per la compagnia sull’orlo di una crisi finanziaria, e anche dei rialzi di United Tech (+10,87%) e Nike Inc. (+9,24%).

I titoli tecnologici sono rimasti indietro. Apple (-0,55%), Microsoft (-0,96%), Cisco (-2,41%) e Intel (-2,18%) hanno ceduto terreno. Il Nasdaq è arretrato dello 0,45%.

L’indice del dollaro USA ha ritracciato sotto la soglia dei 101 punti, suggerendo un miglioramento della propensione al rischio sui mercati cross-asset globali.

C’è però un intoppo: l’approvazione di un pacchetto astronomico di aiuti fiscali dalla Camera dei Rappresentanti potrebbe subire un rinvio a causa delle polemiche sui sussidi per i lavoratori a basso reddito. Inutile dire che le famiglie a basso reddito e le imprese sono i soggetti più vulnerabili di fronte alle serrate forzate di questi giorni. Quindi, contrariamente a quanto successo nella precedente crisi finanziaria, questa volta la ripresa dovrebbe partire dal basso. Per gli investitori, un ritardo nell’approvazione sarebbe una minaccia per la propensione al rischio e comprometterebbe i recenti rialzi su mercati azionari e del credito.

I mercati azionari hanno offerto un quadro contrastato, con un miglioramento della propensione a Sydney (+2,31%), perdite marginali a Shanghai (-0,60%) e una flessione del 4,51% a Tokyo.

L’attività sui future del FTSE (-2,54%) e del DAX (-2,42%) suggerisce che il rally potrebbe riguardare anche l’Europa.

Il greggio WTI si è consolidato intorno ai $25 al barile, avanzando timidamente nonostante l’incremento inferiore alle attese delle scorte petrolifere USA registrato la scorsa settimana, pari a 1,6 milioni di barili, a fronte dei 2,9 milioni stimati dagli analisti e dei 2 milioni della settimana precedente.

L’oro è salito a $1637 l’oncia. L’attuale andamento positivo dei prezzi dell’oro è sostenuto dalla scarsità di oro fisico sui mercati, dovuta alla chiusura delle raffinerie a causa dello scoppio del Covid-19. La situazione causa problemi di liquidità sui mercati dell’oro, circostanza che spiega il recente aumento della volatilità dei prezzi e i rialzi nonostante il miglioramento del sentiment di mercato.

Sui mercati valutari, l’euro ha ampliato i guadagni fino a 1,0933 contro un dollaro USA in diffuso indebolimento. Ora la coppia si prepara a testare le offerte a 1,10. La politica ultra-accomodante della Federal Reserve (Fed), a fronte dell’atteggiamento neutrale della Banca Centrale Europea (BCE), in materia di tassi d’interesse dovrebbe sostenere un ulteriore recupero della moneta unica. I livelli di stop si attestano sopra la soglia a 1,10 e sosterrebbero, se superati, un apprezzamento dell’euro. Dati economici deboli costituiscono tuttavia la maggiore barriera a un apprezzamento dell’euro; in Europa, infatti, l’attività sta subendo un rallentamento senza precedenti.

La fiducia dei consumatori tedeschi è precipitata al minimo storico pari a 2,7 per il mese di aprile, a fronte dei 7,1 punti stimati dagli analisti e degli 8,3 punti del mese precedente. In Germania, le vendite di abbigliamento in negozio sono scese del 90% su base annua.

In Gran Bretagna, le vendite al dettaglio sono calate dello 0,3% a febbraio, rispetto allo 0,2% previsto e allo 0,9% del mese precedente. Questa cifra è destinata a calare in modo marcato perché a marzo c’è stato un notevole calo dell’attività. Ci aspettiamo una flessione, perfino a due cifre, dopo il lockdown totale di aprile.

In Svizzera, le catene di negozi più importanti sono state travolte da una valanga di ordini online che non riescono a evadere.

Purtroppo in Europa lo shopping online potrebbe non essere così sviluppato come in Asia e negli USA e non essere dunque in grado di dare il supporto necessario all’economia in questo momento.

Mercoledì il cable è inciampato in discrete offerte sotto il livello a 1,20. All’odierna riunione di politica monetaria, la Banca d’Inghilterra (BoE) non dovrebbe intervenire, dopo che, durante una riunione di emergenza convocata questo mese, i banchieri britannici hanno già tagliato i tassi d’interesse al minimo storico dello 0,10% e aumentato la dotazione del programma di acquisto asset di 200 miliardi di sterline. Ci aspettiamo però che la BoE mantenga un’impostazione ultra-accomodante, considerando che l’economia britannica dovrebbe contrarsi del 10% nella prima meta dell’anno. Se a ciò si sommano le crescenti preoccupazioni su un’uscita affrettata dei britannici dall’Unione Europea entro la fine dell’anno e senza un accordo in mano, i progressi della sterlina potrebbero rimanere circoscritti. A nostro avviso, una diffusa correzione ribassista del dollaro USA potrebbe sostenere un progresso verso il livello a $1,30 nel medio termine, ma le posizioni corte di base probabilmente argineranno un rialzo sopra questa soglia.

 
Live chat