I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 79% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

DISCLAIMER

Our systems have detected that you are using a computer with an IP address located in the USA. If you are currently not located in the USA, please click “Continue” in order to access our Website.

Local restrictions - provision of cross-border services

Swissquote Ltd is authorised and regulated in the UK by the Financial Conduct Authority (FCA). Swissquote Ltd is not authorised by any US authority (such as the CFTC or SEC) neither is it authorised to disseminate offering and solicitation materials for offshore sales of securities and investment services, to make financial promotion or conduct investment or banking activity in the USA whatsoever.

This website may however contain information about services and products that may be considered by US authorities as an invitation or inducement to engage in investment activity having an effect in the USA.

By clicking “Continue”, you confirm that you have read and understood this legal information and that you access the website on your own initiative and without any solicitation from Swissquote Ltd.

If cookies are currently disabled on your computer, you will be required to continue accepting this legal information for every new page visited on this website. In order to avoid this, please enable cookies on your computer.

Research Market strategy
by Swissquote Analysts
Daily Market Brief

Brexit: si ricomincia da capo

1

Brexit: si ricomincia da capo

By Vincent Mivelaz

L’ottimismo intorno alla GBP comincia a scemare perché i trader ritengono che molto probabilmente le parti negoziali preferiranno una “proroga tecnica” della Brexit, perché servirebbero altri due mesi per definire i dettagli dell’accordo. Una variante della collaborazione doganale proposta inizialmente dell’ex premier May, che si applicherebbe esclusivamente all’Irlanda del Nord, dovrebbe permettere di raggiungere un consenso. Permangono, inoltre, delle difficoltà: sarà difficile convincere il partito unionista democratico dell’Irlanda del Nord prima della seduta speciale del parlamento britannico di sabato 19 ottobre. Le probabilità di un accordo di divorzio pronto prima del vertice di due giorni dei leader UE che inizia domani sono molto basse, per cui nei prossimi giorni la GBP dovrebbe rimanere sotto pressione.

Ora l’attenzione dovrebbe spostarsi sulla proroga dell’Articolo 50, una mossa che dovrebbe trovare l’appoggio dell’UE, alla luce degli ultimi sforzi per definire un accordo. I rischi, tuttavia, riguardano soprattutto il Regno Unito, il premier britannico Boris Johnson potrebbe infatti decidere di annullare la richiesta per mantenere fede alla sua promessa “o la va o la spacca” sulla Brexit. Se venisse accolta un’altra breve proroga, sarebbe comunque difficile convincere l’Irlanda del Nord che una collaborazione doganale, gravosa in termini amministrativi, sia la soluzione migliore, per non parlare dell’accoglienza generale, da parte del parlamento britannico, di un nuovo accordo sull’uscita dall’UE. Per il momento la recente tendenza ottimista della GBP dovrebbe attenuarsi, mentre gli investitori monitoreranno attentamente i negoziati di oggi con l’UE, alla vigilia del vertice UE.

Al momento la coppia GBP/USD scambia a 1,2740 (+4,30% da giovedì scorso) e, dopo aver raggiunto quota 1,2787 (massimo 15/10/2019), dovrebbe flettere verso 1,2660.

 
Live chat