I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 79% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

DISCLAIMER

Our systems have detected that you are using a computer with an IP address located in the USA. If you are currently not located in the USA, please click “Continue” in order to access our Website.

Local restrictions - provision of cross-border services

Swissquote Ltd is authorised and regulated in the UK by the Financial Conduct Authority (FCA). Swissquote Ltd is not authorised by any US authority (such as the CFTC or SEC) neither is it authorised to disseminate offering and solicitation materials for offshore sales of securities and investment services, to make financial promotion or conduct investment or banking activity in the USA whatsoever.

This website may however contain information about services and products that may be considered by US authorities as an invitation or inducement to engage in investment activity having an effect in the USA.

By clicking “Continue”, you confirm that you have read and understood this legal information and that you access the website on your own initiative and without any solicitation from Swissquote Ltd.

If cookies are currently disabled on your computer, you will be required to continue accepting this legal information for every new page visited on this website. In order to avoid this, please enable cookies on your computer.

Research Market strategy
by Swissquote Analysts
Daily Market Brief

Gli sviluppi geopolitici fanno aumentare la volatilità della TRY

1

Нефтяной риск сделает снижение ставки ФРС неизбежным

By Vincent Mivelaz

Il periodo di calma per la lira turca cui abbiamo assistito negli ultimi quattro mesi, in seguito al vertice G20, probabilmente subirà un’interruzione, perché il paese è tornato sotto i riflettori. Il recente annuncio del presidente turco Recep Tayyip Erdogan, che si è detto pronto a lanciare un’incursione nella Siria nord-orientale per rivendicare territori attualmente controllati dalle forze curde, dovrebbe provocare una flessione della lira turca (TRY) e dell’azionario, visto che le conseguenze dei dazi e delle sanzioni USA metterebbero in difficoltà il paese. Se a ciò si sommano le pressioni esercitate dalle autorità turche sulla Banca Centrale di Turchia (BCT) affinché continui a tagliare i tassi, è evidente che il settore bancario continua a essere molto vulnerabile all’aumento dei rischi di credito e al calo dei margini sul mercato dei prestiti.

La minaccia del presidente USA Donald Trump di “distruggere completamente e cancellare l’economia della Turchia” nel caso in il paese prendesse misure imprecisate, dopo aver dato la sua approvazione a una potenziale incursione nella regione, probabilmente genererà ulteriore incertezza per gli asset turchi, com’era successo per la questione del pastore Andrew. Sebbene i bond abbiano continuato ad avere prestazioni migliori degli altri asset in un contesto di rallentamento dell’inflazione, il trend potrebbe cambiare, considerati i segnali di accelerazione dell’inflazione e l’ulteriore debolezza della TRY. L’indice Borsa Istanbul 100 (+10,60% nell’anno corrente) sta già affrontando gli effetti delle ultime notizie, con perdite fino al -3,30% dall’inizio di ottobre. Nonostante gli eventi dell’anno scorso, la BCT dovrebbe mantenere il corso tracciato, tagliando potenzialmente il suo tasso sui pronti a una settimana, al momento pari al 16,50% (-7,50% nell’anno in corso) di un ulteriore 2% entro la fine dell’anno. Anche se inflazione primaria e di fondo sono diminuite bruscamente, attestandosi su valori a una cifra, pari rispettivamente al 9,30% (precedente: 15%) e al 7,50% (precedente: 13,60%), e i prezzi alla produzione siano scesi al 2,50% (precedente: 13,50%) per effetto delle cifre elevate dell’anno scorso e della stabilizzazione delle condizioni economiche, un intervento in Siria danneggerebbe i recenti miglioramenti. I mercati finanziari hanno già ridotto il peso degli asset turchi in previsione di potenziali sanzioni, favorendo una “dollarizzazione” di asset nel paese.

In tale contesto, il momentum dell’USD/TRY dovrebbe rimanere elevato. L’USD/TRY, che al momento scambia a 5,83, dovrebbe sfondare la resistenza a 5,8324 (massimi 30/08/2018 e 07/10/2019), avvicinandosi a 5,8620.

 
Live chat