I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 79% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

DISCLAIMER

Our systems have detected that you are using a computer with an IP address located in the USA. If you are currently not located in the USA, please click “Continue” in order to access our Website.

Local restrictions - provision of cross-border services

Swissquote Ltd is authorised and regulated in the UK by the Financial Conduct Authority (FCA). Swissquote Ltd is not authorised by any US authority (such as the CFTC or SEC) neither is it authorised to disseminate offering and solicitation materials for offshore sales of securities and investment services, to make financial promotion or conduct investment or banking activity in the USA whatsoever.

This website may however contain information about services and products that may be considered by US authorities as an invitation or inducement to engage in investment activity having an effect in the USA.

By clicking “Continue”, you confirm that you have read and understood this legal information and that you access the website on your own initiative and without any solicitation from Swissquote Ltd.

If cookies are currently disabled on your computer, you will be required to continue accepting this legal information for every new page visited on this website. In order to avoid this, please enable cookies on your computer.

Research Market strategy
by Swissquote Analysts
Daily Market Brief

RBI: è ora di allentare la politica

1

RBI: è ora di allentare la politica

By Vincent Mivelaz

Per le banche centrali dei paesi emergenti, lo scenario è cambiato drasticamente. Da una situazione, nel 2018, in cui i quattro rialzi del tasso della Fed avevano costretto le economie emergenti a fare lo stesso per proteggere le loro valute da un deprezzamento assicurato e ciò nonostante il calo del tasso d’inflazione, si è passati al dietrofront accomodante della Fed, che sta dando sollievo per sostenere la crescita. Ieri, le banche centrali di India, Nuova Zelanda e Tailandia hanno seguito le orme della Fed, tagliando i tassi in un contesto di rallentamento della crescita economica e di crescenti incertezze legate agli scambi. A questo proposito, la banca centrale indiana (Reserve Bank of India, RBI) ha sorpreso i mercati, abbassando il suo tasso sui pronti di un sorprendente 0,35%, portandolo al 5,40%; si tratta del quarto taglio consecutivo per l’anno in corso da quando, nel dicembre 2018, Shaktikanta Das ha assunto la carica di governatore della RBI.

La decisione arriva in un momento in cui l’amministrazione Modi non dovrebbe aumentare la spesa pubblica, per via dell’impegno a mantenere un rapporto deficit/PIL pari al 3,40%. Nel frattempo, il governo si appresta a introdurre un’aliquota fiscale del 25% per individui e fondi che guadagnano fra 20 e 50 milioni di rupie, e del 37% su redditi più alti, mossa che ha generato consistenti deflussi di capitale da investitori istituzionali stranieri. La RBI è ancora molto preoccupata per le prospettive di crescita dell’India, pari al 5,80% nel T1 del 2019, livello minimo da marzo 2014, e ha abbassato le previsioni di crescita per il 2019, al 6,90% dal precedente 7%. Inoltre, anche se a giugno l’inflazione primaria si è attestata a un buon 3,20%, leggermente inferiore all’obiettivo del 4%, l’indice di fondo, che non prende in considerazione i prezzi di alimentari ed energia, mostra una tendenza ribassista; a giugno si è attestato al 4,10%, in forte declino rispetto al 5,35% di gennaio 2019. Come per gran parte delle valute asiatiche, il consolidamento della rupia indiana dovrebbe continuare, poiché le tensioni geopolitiche rimangono un fattore di disturbo per le principali economie.

Pertanto la coppia USD/INR (+1,24% nell’anno in corso) è orientata al rialzo, dopo il rimbalzo da 68,80 (minimo 31/07/2019). Nel breve termine, la coppia dovrebbe dirigersi verso 71, per poi puntare all’obiettivo costituito dalla forte resistenza a 71,8050 (massimo 04/02/2019).

 
Live chat