I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 79% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

DISCLAIMER

Our systems have detected that you are using a computer with an IP address located in the USA. If you are currently not located in the USA, please click “Continue” in order to access our Website.

Local restrictions - provision of cross-border services

Swissquote Ltd is authorised and regulated in the UK by the Financial Conduct Authority (FCA). Swissquote Ltd is not authorised by any US authority (such as the CFTC or SEC) neither is it authorised to disseminate offering and solicitation materials for offshore sales of securities and investment services, to make financial promotion or conduct investment or banking activity in the USA whatsoever.

This website may however contain information about services and products that may be considered by US authorities as an invitation or inducement to engage in investment activity having an effect in the USA.

By clicking “Continue”, you confirm that you have read and understood this legal information and that you access the website on your own initiative and without any solicitation from Swissquote Ltd.

If cookies are currently disabled on your computer, you will be required to continue accepting this legal information for every new page visited on this website. In order to avoid this, please enable cookies on your computer.

Research Market strategy
by Swissquote Analysts
Daily Market Brief

Giappone riduce la dipendenza dal primo partner commerciale

1

Giappone riduce la dipendenza dal primo partner commerciale

By Vincent Mivelaz

I dati commerciali sono qui per confermarlo: la dipendenza dalle esportazioni alla Cina sta pesando sul settore manifatturiero giapponese. In territorio di declino per il quarto mese consecutivo, le esportazioni verso la Cina sono scese del 10,1% nel mese di giugno, a conferma di un rallentamento dell'economia cinese a seguito del rilascio della cifra del PIL 2Q del 6,20% (precedente: 6,40%), un minimo di 27 anni. Anche se il rilascio del PIL 2Q del Giappone non è previsto prima del 9 agosto 2019, le previsioni dei dati trimestre su trimestre puntano verso una caduta tra la zona neutra e la contrazione del -0,20% (1Q: 0,60%). Eppure, il progressivo miglioramento degli scambi commerciali con gli Stati Uniti conferma che un accordo commerciale USA - Giappone è alle porte. Il potenziale di apprezzamento dello JPY è alto poiché le preoccupazioni sulle tensioni commerciali globali continuano a stimolare la domanda di asset rifugio.

La bilancia commerciale del Giappone è in calo del 19% a 589,5 miliardi di yen ($ 5,46 miliardi), con un calo delle esportazioni totali del 6,70 % (precedente: -7,80%), il settimo crollo consecutivo, mentre le importazioni hanno perso il -5,20% (precedente: -1,50%). Pertanto, la diminuzione è determinata essenzialmente dai paesi asiatici, tra cui la domanda di fabbricazione di chip e apparecchi elettronici della Cina, che è diminuita di oltre il 20%. Eppure il continuo apprezzamento delle esportazioni commerciali verso gli Stati Uniti al 4,80% nel mese di giugno (precedente: 3,30%), il nono incremento di fila, conferma che entrambi i partner commerciali stanno migliorando i negoziati commerciali. Infatti, dalla visita di Stato di Donald Trump in Giappone nel maggio e la minaccia di dazi del 25% sulle auto giapponesi importate, entrambe le parti hanno lavorato sull'apertura dei mercati giapponesi (cioè importazioni agricole) e la riduzione dei dazi sui ricambi auto giapponesi, una solida vittoria per le case automobilistiche giapponesi e gli agricoltori degli Stati Uniti. Se un accordo si trovasse in settembre, quando il presidente Donald Trump e il primo ministro Shinzo si incontreranno a New York, l'attenzione si rivolgerà verso la Cina, che resterà sotto pressione in mezzo agli interminabili negoziati commerciali con gli Stati Uniti e il miglioramento delle condizioni commerciali bilaterali dei suoi due più grandi partner commerciali.

L’USD/JPY è attualmente scambiato a 107.77, avvicinandosi a 108 nel breve termine.

 
Live chat