I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 79% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

DISCLAIMER

Our systems have detected that you are using a computer with an IP address located in the USA. If you are currently not located in the USA, please click “Continue” in order to access our Website.

Local restrictions - provision of cross-border services

Swissquote Ltd is authorised and regulated in the UK by the Financial Conduct Authority (FCA). Swissquote Ltd is not authorised by any US authority (such as the CFTC or SEC) neither is it authorised to disseminate offering and solicitation materials for offshore sales of securities and investment services, to make financial promotion or conduct investment or banking activity in the USA whatsoever.

This website may however contain information about services and products that may be considered by US authorities as an invitation or inducement to engage in investment activity having an effect in the USA.

By clicking “Continue”, you confirm that you have read and understood this legal information and that you access the website on your own initiative and without any solicitation from Swissquote Ltd.

If cookies are currently disabled on your computer, you will be required to continue accepting this legal information for every new page visited on this website. In order to avoid this, please enable cookies on your computer.

Research Market strategy
by Swissquote Analysts
Daily Market Brief

Debole il PIL cinese, CHF richiesto

1

Debole il PIL cinese

By Peter Rosenstreich

Oggi le prospettive ottimistiche hanno accusato il colpo, dopo che la crescita economica cinese ha mostrato un rallentamento pari al 6,2% a/a nel T2, rispetto al 6,4% a/a del T1. Si tratta del ritmo più lento da 27 anni (1992). I mercati hanno trovato un po’ di sollievo nei discreti dati cinesi riferiti a vendite al dettaglio, spesa in capitale e produzione industriale. La scorsa settimana, la crescita delle esportazioni cinesi aveva subito un rallentamento, dal +1,1% a/a di maggio al -1,3% di giugno. Il costante ritmo del rallentamento, che persiste sulla scia delle minacce di guerra commerciale e della flessione della domanda interna ed estera, ora pesa sulle prospettive cinesi. Questo calo aumenterà le pressioni sulla banca centrale cinese (People's Bank of China, PBoC) affinché allenti ancora la politica e continui a intervenire con misure non convenzionali per sostenere l’economia. Stando alle attese, la PBoC aspetterà che la Fed abbassi i tassi d’interesse prima di segnalare una nuova impostazione accomodante, il che assume un senso solo perché il FOMC e il previsto taglio di 25 punti base sono dietro l’angolo. In realtà, la PBoC ha bisogno di agire, non solo con micro-aggiustamenti, puntando a tagli del coefficiente di riserva obbligatoria (RRR) e operazioni di rifinanziamento a medio termine. Altrove, i dati indicano che la Cina è stata venditore netto di titoli di Stato per due mesi di fila, le consistenze totali sono scese al minimo da due anni. Parte della flessione è dovuta alla rivalutazione e alla domanda inferiore di USD, ma sono da considerare anche le motivazioni politiche. È evidente che la massiccia operazione di acquisto di bond USA e i finanziamenti a basso costo sono un mezzo di pressione nella guerra commerciale fra USA e Cina.

Il bene rifugio CHF richiesto nonostante i dati positivi dalla Cina

By Vincent Mivelaz

Sul mercato sembrano esserci delle contraddizioni, dopo che stamattina i dati cinesi hanno superato le attese. Le azioni cinesi sono in territorio positivo; l’Hang Seng di Hong Kong, l’indice CSI 300 della Cina continentale e il Nikkei 225 sono tutti positivi, in rialzo rispettivamente del +0,29%, +0,41% e +0,20%, e fanno presagire una seduta di guadagni per i titoli azionari. Anche il mercato forex si muove in modo analogo: le valute che dipendono dagli scambi sono in graduale aumento, mentre il bene rifugio JPY è piatto, a differenza del CHF, che sembra acquisire slancio, come mostrano le coppie EUR/CHF e USD/CHF.

I supporti a 0,972 (minimo 24/06/2019) e 1,10795 (minimo 24/06/2019) per le coppie USD/CHF e EUR/CHF potrebbero essere sfondati, se proseguisse l’attuale tendenza. Per ora non si osservano segnali evidenti di un intervento sul mercato della Banca Nazionale Svizzera, ma le cose potrebbero cambiare, se emergesse una chiara tendenza al rialzo, nonostante i pareri ottimistici sul mercato.

 
Live chat