I CFD sono strumenti complessi e presentano un rischio significativo di perdere denaro rapidamente a causa della leva finanziaria. Il 78% di conti di investitori al dettaglio perdono denaro a causa delle negoziazioni in CFD con questo fornitore. Valuti se comprende il funzionamento dei CFD e se può permettersi di correre questo alto rischio di perdere il Suo denaro.

DISCLAIMER

Our systems have detected that you are using a computer with an IP address located in the USA. If you are currently not located in the USA, please click “Continue” in order to access our Website.

Local restrictions - provision of cross-border services

Swissquote Ltd is authorised and regulated in the UK by the Financial Conduct Authority (FCA). Swissquote Ltd is not authorised by any US authority (such as the CFTC or SEC) neither is it authorised to disseminate offering and solicitation materials for offshore sales of securities and investment services, to make financial promotion or conduct investment or banking activity in the USA whatsoever.

This website may however contain information about services and products that may be considered by US authorities as an invitation or inducement to engage in investment activity having an effect in the USA.

By clicking “Continue”, you confirm that you have read and understood this legal information and that you access the website on your own initiative and without any solicitation from Swissquote Ltd.

If cookies are currently disabled on your computer, you will be required to continue accepting this legal information for every new page visited on this website. In order to avoid this, please enable cookies on your computer.

Research Market strategy
by Swissquote Analysts
Daily Market Brief

USD giù di corda, tengono i prezzi del petrolio

1

USD giù di corda, gli investitori valutano le prospettive dei tassi

By Arnaud Masset

Venerdì il dollaro USA è sceso per il terzo giorno consecutivo. Continuano a sentirsi gli effetti dell’audizione al Congresso del presidente della Fed Powell. Nel comparto G10, il biglietto verde è calato soprattutto conto le valute legate alle materie prime, come l’aussie (-0,36%), il kiwi (-0,35%) e il loonie (-0,25%). Anche la moneta unica ha continuato a recuperare, consolidandosi intorno alla soglia a 1,1160, ma i guadagni sono stati più contenuti. Ciò è dovuto al fatto che per l’euro le prospettive sono più incerte, dal momento che la BCE ha un margine d’azione inferiore rispetto alla Fed.

La BCE non ha neanche tentato di ridurre il suo programma di allentamento quantitativo, per cui I tassi d’interesse sono già piatti o negativi, e gli attivi di bilancio gonfiati. La Fed, invece, un certo margine di manovra ce l’ha: il tasso sui Fed Funds è intorno al 2,25% e negli ultimi 20 mesi il bilancio è stato ridotto di più di USD 630 miliardi.

In questo quadro, prevediamo che la moneta unica continuerà ad apprezzarsi contro il biglietto verde. L’apprezzamento effettivo inizierà però sul finire dell’estate, quando inizieranno ad avere effetto le condizioni monetarie più accomodanti negli USA e i partecipanti al mercato cominceranno a mettere in conto un altro taglio del tasso. Prevediamo che la moneta unica si porti verso la soglia a 1,15 man mano che ci avviciniamo alla fine dell’anno.

Tengono i prezzi del petrolio

By Vincent Mivelaz

Ultimamente i prezzi del petrolio si muovono sull’ottovolante. Le minacce del presidente USA Donald Trump di aumentare i dazi sulla Cina e di imporre sanzioni simili sulle importazioni messicane, oltre al calo superiore alle attese delle scorte di petrolio negli USA e la produzione a livelli da record, hanno incentivato i trader delle materie prime a disinvestire in modo massiccio sul greggio. Sembra, tuttavia, che la situazione stia cambiando, con gli investitori impegnati a valutare le tensioni in Medio Oriente, la tempesta nel Golfo del Messico e i cali ripetuti delle scorte di petrolio negli USA. Tuttavia, le prospettive di lungo termine rimangono sfocate, perché la domanda di petrolio globale dovrebbe scendere ulteriormente, a fronte del calo dell’attività manifatturiera e di una possibile escalation delle controversie commerciali fra USA e UE.

Il calo delle scorte di greggio USA monitorate dell’EIA per la settimana conclusasi il 5 luglio è pari a 9,5 miliardi di barili al giorno; si tratta del calo più marcato da marzo 2019 e della quarta flessione consecutiva; anche i rischi geopolitici legati all’Iran e il taglio della produzione, pari a 1 milione di barili al giorno, delle compagnie petrolifere che operano nel Golfo del Messico dovuto alla tempesta tropicale Barry, stanno spingendo al rialzo i prezzi del petrolio. Sia il greggio Brent, sia il WTI ora scambiano intorno ai livelli di maggio 2019 e dovrebbero stabilizzarsi, mentre gli investitori monitorano i colloqui imminenti fra il ministro dell’Economia tedesco Peter Altmaier e il Rappresentante al commercio USA Robert Lighthizer per evitare dazi del 25% sulle importazioni di auto dall’UE. Gli argomenti trattati riguarderanno principalmente i sussidi al settore aeronautico, le importazioni di aiuto e il gasdotto russo Nord Stream 2, che dovrebbe raddoppiare la capacità di fornitura verso l’UE. Nonostante i toni ottimistici sulle prossime discussioni, sembra alquanto improbabile che nei prossimi mesi si trovino delle soluzioni.

Il greggio dovrebbe pertanto stabilizzarsi e restare molto sensibile alle notizie principali. Il potenziale di un ulteriore rialzo è però limitato, visti i prezzi attuali e la decisione dell’OPEC di mantenere invariato il taglio alla produzione. Il WTI scambia a 60,68 e nel breve termine si avvicinerà a 60,95.