DISCLAIMER

Our systems have detected that you are using a computer with an IP address located in the USA. If you are currently not located in the USA, please click “Continue” in order to access our Website.

Local restrictions - provision of cross-border services

Swissquote Ltd is authorised and regulated in the UK by the Financial Conduct Authority (FCA). Swissquote Ltd is not authorised by any US authority (such as the CFTC or SEC) neither is it authorised to disseminate offering and solicitation materials for offshore sales of securities and investment services, to make financial promotion or conduct investment or banking activity in the USA whatsoever.

This website may however contain information about services and products that may be considered by US authorities as an invitation or inducement to engage in investment activity having an effect in the USA.

By clicking “Continue”, you confirm that you have read and understood this legal information and that you access the website on your own initiative and without any solicitation from Swissquote Ltd.

If cookies are currently disabled on your computer, you will be required to continue accepting this legal information for every new page visited on this website. In order to avoid this, please enable cookies on your computer.

Research Market strategy
by Swissquote Analysts
Daily Market Brief

Yuan in attesa dell’accordo fra USA e Cina

1

Yuan in attesa dell’accordo fra USA e Cina

By Vincent Mivelaz

Dopo che, più di due settimane fa, gli USA hanno rinviato le scadenze, i negoziati commerciali sino-cinesi sembrano volgere al termine. La Cina è preoccupata, a ragione, perché il suo obiettivo di crescita per il 2019 è stato ritoccato al ribasso, al 6-6,50%, e potrebbe subire nuovi tagli; l’obiettivo di disavanzo di bilancio è stato fissato al 2,80% del PIL per evitare una flessione troppo marcata. Al momento a quota 6,7097, la coppia USD/CNY dovrebbe rimanere piatta fino agli annunci imminenti.

Anche gli investitori sono preoccupati e sperano di evitare dazi USA su 250 miliardi di merci cinesi. Le cifre sugli scambi di febbraio hanno deluso le attese; le esportazioni sono crollate del 20,70% (previsione: -5%), anche per gli effetti del Capodanno cinese, e le importazioni sono scese ulteriormente, segnale di un indebolimento della domanda interna in Cina. Nello stesso periodo la cifra per i nuovi prestiti si è attestata a CNY 885,8 miliardi, inferiore alle previsioni, ma in aumento dall’inizio dell’anno, in rialzo e pari a 4,12 mila miliardi nell’anno corrente rispetto ai 3,2 mila miliardi dello stesso periodo l’anno scorso. Mentre proseguono i negoziati commerciali, ci aspettiamo un’accelerazione delle trattative, dal momento che l’accordo deve essere molto specifico. Per il momento le autorità cinesi monitoreranno scrupolosamente il rischio del sistema bancario ombra, mantenendo la crescita del credito.