DISCLAIMER

Our systems have detected that you are using a computer with an IP address located in the USA. If you are currently not located in the USA, please click “Continue” in order to access our Website.

Local restrictions - provision of cross-border services

Swissquote Ltd is authorised and regulated in the UK by the Financial Conduct Authority (FCA). Swissquote Ltd is not authorised by any US authority (such as the CFTC or SEC) neither is it authorised to disseminate offering and solicitation materials for offshore sales of securities and investment services, to make financial promotion or conduct investment or banking activity in the USA whatsoever.

This website may however contain information about services and products that may be considered by US authorities as an invitation or inducement to engage in investment activity having an effect in the USA.

By clicking “Continue”, you confirm that you have read and understood this legal information and that you access the website on your own initiative and without any solicitation from Swissquote Ltd.

If cookies are currently disabled on your computer, you will be required to continue accepting this legal information for every new page visited on this website. In order to avoid this, please enable cookies on your computer.

Research Market strategy
by Swissquote Analysts
Daily Market Brief

La crescita del Regno Unito subirà un rallentamento

1

La crescita del Regno Unito subirà un rallentamento

By Vincent Mivelaz

A 50 giorni dal divorzio ufficiale del Regno Unito dall’UE, sembra che non sia cambiato nulla di fondamentale rispetto a 2 mesi fa, quando i contrasti sull’Accordo di Recesso iniziale avevano spinto la premier Theresa May a rinviare il voto a gennaio 2019. Il backstop irlandese continua a essere un ostacolo per la Camera dei Comuni.

Non crediamo che la Banca d’Inghilterra modificherà la sua posizione in termini di politica monetaria, dato che a dicembre ha adottato un approccio attendista. Nel caso di una Brexit dura, molto probabilmente la BoE non alzerà il tasso di riferimento, tagliandolo invece, qualora l’economia lo richiedesse, indipendentemente dall’inflazione. Se vi fosse una brusca svalutazione della sterlina, la banca potrebbe fare il contrario per frenare un crollo. Se si arrivasse a un accordo costruttivo, la BoE potrebbe alzare il suo tasso di riferimento per mantenere l’inflazione all’interno della fascia obiettivo del 2%, tenendo conto della forte crescita delle retribuzioni e dei tassi d’interesse bassi. Esprimiamo un giudizio negativo sulla GBP, perché le previsioni di crescita (proiezioni sul PIL di novembre: 0,30% T4 2018 e 1,70% per i prossimi 3 anni) dovrebbero essere riviste al ribasso sulla scia del rallentamento economico globale.

Ci aspettiamo pertanto che il cable continui a scendere durante la seduta odierna e che chiuda la settimana in rosso (settimana corrente: -1,37%), dal momento che la BoE dovrebbe tagliare le sue previsioni di crescita e l’incontro della premier May con il presidente della Commissione Juncker e dell’UE Tusk a Bruxelles non aiuta. La coppia GBP/USD, che attualmente scambia a 1,2907, si avvicinerà a 1,2890 nel breve termine.